Location: Padova, Italy
+39 333 237 9277
giorgi.piero@gmail.com

5 ERRORI PER NON AVERE CLIENTI

Il tuo Sito Web é importante. Affidalo a dei professionisti.

5 ERRORI PER NON AVERE CLIENTI

La pianificazione, il design, la scrittura, la programmazione e la fase di test. Costruire un sito internet richiede centinaia di ore di lavoro prima di vedere la luce.
Il risultato positivo di tutti gli sforzi impiegati dipende da una serie di piccoli particolari. Basta una svista e il danno è fatto.

Alcuni errori portano a conseguenze piuttosto gravi, ma fortunatamente risolvibili e in modo più semplice di quanto ci si possa immaginare. Ecco i CINQUE sbagli che hanno le potenzialità di generare grandi problemi ma che possono essere risolti in modo semplice.

Errore 1 – Non menzionare il vostro servizio principale in homepage

Può sembrare una cosa ovvia, ma non lo è. La vostra homepage deve riprendere l’argomento del vostro business altrimenti un utente non riesce a capire che cosa fate. E’ un gravissimo errore che comporta parecchie imperfezioni nel design e nel contenuto.

  • Il titolo della homepage non è chiaro.
  • L’immagine principale (o slideshow) non mostra i vostri prodotti o servizi
  • Le etichette di navigazione sono troppo generiche: home, chi siamo, servizi o prodotti
  • Il testo nella homepage è totalmente incentrato sul brand e non su cosa sapete fare veramente
  • Non tutti i visitatori che approdano sulla tua homepage sanno chi siete, così una homepage che non comunica immediatamente cosa fate rappresenta un problema.

Soluzione
Concentratevi e mettetevi nei panni di un utente che non vi conosce. Quale parte della vostra home page salta subito all’occhio? È evidente quello che fa la vostra azienda?

Assicuratevi che i titoli riportino i vostri prodotti/servizi principali. Fate in modo che l’elemento visivo principale sia significativo e che le etichette di navigazione siano effettivamene descrittive.

Errore 2 – La pagina delle referenze non è evidente

Gestire immagini e media con la massima attenzione è un obiettivo primario del nuovo editor. Speriamo che troverai gli aspetti di aggiungere didascalie o di rendere le tue foto a larghezza piena più facili e solidi di prima.

Se i tuoi clienti si trovano bene con te, possono metterlo per iscritto, e piuttosto che farlo sui social, sarebbe interessante raggruppare tutte le opinioni su di voi in un’unica pagina dedicata.
Se, guardando Analytics, vi rendete conto che sono in pochi a guardare la vostra pagina dei Testimonial/Referenze, vuol dire che il link a quella pagina passa inosservato, che avete attenuato il valore di quei messaggi, mettendoli in un posto troppo lontano da quei valori e risultati positivi che i tuoi clienti stessi vanno affermando su di voi.

Soluzione
Scordatevi la vostra pagina referenze classica. Invece mettete tutte le testimonianze e le opininoni che riguardano la vostra azienda, anche quelle che compaiono sui social, in diverse aree del sito:

Errore 3 – Le icone social distraggono l’attenzione

Se avete un sto minimale, pulito, con un design moderno ma semplice e le uniche note di colore sono rappresentate dalle icone social, questo potrebbe essere un problema, perché portano l’attenzione del visitatore al di fuori dei vostri contenuti.

Su Facebook abbiamo centinaia di amici, su Twitter possiamo leggere migliaia di tweet che riguardano i nostri interessi, su Youtube tra video musicali, gattini divertenti e scene dai film non ne usciamo se non dopo un sacco di tempo, su Pinterest, bhè lo sappiamo tutti che Pinetrest crea dipendenza e non ci si riesce più a fermare una volta che inizi a pinnare, giusto? Questo per dire: non date ai vostri utenti un motivo per andarsene dal vostro sito così in fretta.

Soluzione
Le icone social devono esserci ovviamente, ma fate in modo che non siano più evidenti degli altri contenuti del vostro sito. Se volete metterle in alto, sceglietele nell’opzione di colori più tenui. Altrimenti potete metterle nel footer, lasciando che i colori originali delle icone vengano fuori al passaggio del mouse.

Errore 4 – Share button che menzionano il tool della condivisione e non voi

Solitamente si scrive perché vogliamo che le persone ci condividano. Per questo mettiamo i bottoni per la condivisione… ma se, una volta cliccato il bottone social prescelto, compare la menzione del tool e non il brand, allora abbiamo un problema. Questo succede perché solitamente questi bottoni sono creati da plug-in che, a meno che non vengano persolaizzati, spesso riportano la citazione di chi ha creato il plug-in. Per fare un esempio, i “via @..” viene immesso quando condividiamo su twitter.:

Soluzione
Per essere sicuri che i bottoni di condivisione promuovano il tuo brand e non l’azienda che ha sviluppato il plug-in, sarebbe meglio scegliere plug-in che non aggiungano crediti verso terzi.

Errore 5 – Youtube e i suggerimenti a video simili al vostro

Avete prodotto un video, caricato su Youtube e messo poi sul sito. Molto bene. Ma una volta finito di vederlo, Youtube ne suggerisce altri che non sono minimamente rilevanti con voi e la vostra azienda. O, anche peggio, che magari promuova video dei tuoi competitor.

Soluzione
Quando inserite un video da Youtube, seguite questi step:

  • Dalla pagina del video su Youtube cliccate su Condividi/Share
  • Cliccate su Embed/Codice da incorporare
  • Cliccate su Mostra Altro e togliete il check da “Mostra i video suggeriti quando termina il video”
  • Copiate e incollate il codice compreso nel tag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.